giovedì 19 aprile 2018

A sera

Ho un amico alato e piccino
che sta sempre nel mio cuoricino,
mi protegge come fossi un sovrano,
lui mi ama e mi tiene per mano.

Mi consola ogni giorno di più
che così ha ordinato Gesù,
quando il lume accendo alla sera
lo ringrazio con questa preghiera:

O amato e paziente angioletto,
io ti prego di starmi vicino
già da quando mi sveglio al mattino
fino a sera che mi infilo nel letto.

               Maddalena Romeo Boni.

giovedì 12 aprile 2018

Insolita preghiera

Grandi occhi tristi di nero velluto
guardano il cielo in cerca d’aiuto,
solo da lì puo’ venire un conforto
per chi è abbandonato senza peccato.

Non un lamento, ma un rincorrersi lento
d’amare lacrime racchiuse nel cuore,
un cuore che è ancora ricolmo d’amore
se pur spaventato, ma senza rancore.

Signore, sono anch’io una tua creatura
venuta al mondo per una breve avventura;
m’hai dato un cuore leale e fedele
e amo l’uomo che a volte è crudele.

Mi basta poco per sentirmi appagato:
una carezza, una corsa nel prato...
Ma vivo in un mondo di incivili sapienti
che tutto distruggono e non rispettano niente.

Fa che mi guardino più spesso negli occhi,
e darei loro lezioni d’amore...
Sono un randagio, sono solo un randagio,
ma capirebbero che, se esisto anch’io,
è perchè faccio parte del progetto di Dio.

                          Maddalena Romeo Boni

lunedì 9 aprile 2018

Volare ancora

Dici d’essere invecchiata
e ti vedo un po’ avvilita;
ma io adoro le tue rughe
che raccontano la vita
che hai vissuto accanto a me.

Tu per me sei sempre quella
birichina, un po’ monella,
col sorriso che incantava...
mi emoziono ancora adesso
quando vedo il tuo bel viso
che s’illumina al sorriso.

I tuoi occhi neri
Come ardenti carboncini
sono ancora maliziosi
e lusingano il mio cuore
perchè ancora sei il mio amore.

Volavamo su aquiloni
che inventavo per te sola,

veleggiando  sulle ali
della nostra fantasia
tu spronavi il mio entusiasmo,
si accendeva la passione...

Non lasciarmi così solo,
vola ancora un po’ con me,
non turbare con sciocchezze
le future tenerezze
che ho in serbo ancor per te.
Hai sorprese tu per me?

                 Maddalena Romeo Boni

martedì 3 aprile 2018

Dettato

Quel di,
senza cielo
smarrii ogni certezza,
nel cuore si dissolse la letizia e la grazia,
concessa  mi fu l’amara sconfitta...

Essendo pure io creatura,
il principio vitale mi parlò,
ogni intermittenza della mente consolò
infondendo calore:
luce, scintilla, fiamma.

Essenza del lampo
che goccia dopo goccia
distilla l'essenza  arcana.

L’anima mia ebbra di sfavilli
si perse nell'etere,
tra estrosi volteggi
e sciolte danze,
conquistò applausi celestiali.

In preda a codesta frenesia
raccolse sette gocce di rugiada,
tre sorrisi di fanciulle,
ed un raggio di meriggio.

Fu allora che la vittoria
liberamente si presentò,
ella aveva il volto sereno,
mani di gigli e parole robuste ,
il suo cipiglio insegui il mio cuore,
una carezza mi raggiunse...
mi dettò l'amore,
non so se fu per caso o per gioco,
ma fu cosi, che vidi gli estesi lidi.

                                                            Brunetta Sacchet🌹





 


lunedì 2 aprile 2018

Buona Pasqua

🔔🔔🔔 ALLELUIA.....🐣 ALLELUIA...🐤🐥🦆
     🌻🌼🌷 ALLELUIA!!!❤❤❤

venerdì 30 marzo 2018

Venerdì Santo

Questa sera il tabernacolo è vuoto, la croce è nuda.
Chiuso il sepolcro gli altari desolati, ma la Messa continua sugli ignoti calvari dove ogni picco, ogni greto, ogni proda è un tabernacolo, un altare, una croce...
Sono venuto per vedere e mi trovo inchiodato... ogni tentativo di fuga mi è impossibile questa sera.
Cristo mi fa uomo con lui, come lui uomo di dolore uomo di offerta.
                              (Don Primo Mazzolari)



Preghiera

Guardando la croce, vedrete che Gesù ha le braccia aperte, perchè vuole abbracciarvi;
ha il capo piegato, perchè vuole baciarvi;
hai il cuore sanguinante, perchè vuole accogliervi.
Quindi, quando vi sentite soli e spiritualmente poveri, guardate la croce:
il dolore, la sofferenza, l’umiliazione, il dispiacere, la solitudine, altro non sono che occasioni per essere solidali con chi, come voi, si sente solo, sofferente o abbandonato.
                           (Madre Teresa di Calcutta)

lunedì 26 marzo 2018

Preghiera

Vieni di notte,
 ma nel nostro cuore è sempre notte:
 e, dunque, vieni sempre, Signore.
Vieni in silenzio,
noi non sappiamo più cosa dirci:
e, dunque, vieni sempre, Signore.
Vieni in solitudine,
ma ogni uno di noi è sempre più solo:
e, dunque vieni sempre, Signore.
Vieni, figlio della pace,
noi ignoriamo cosa sia la pace
e, dunque, vieni sempre, Signore.
Vieni a liberarci,
noi siamo sempre più schiavi:
e, dunque, vieni sempre, Signore.
Vieni a consolarci,
noi siamo sempre più tristi:
e, dunque, vieni sempre, Signore.
Vieni a cercarci,
noi siamo sempre più perduti:
e, dunque, vieni sempre Signore.
Vieni,Tu che ci ami:
nessuno è in comunione con il fratello
se prima non è con Te, o Signore.
Noi siamo lontani,
smarriti, nè sappiamo chi siamo,
cosa vogliamo:
vieni, Signore vieni sempre, Signore.


                               Padre Davide Maria Turoldo.